×
Seguici su questi canali:
Conosciamo Bisceglie e Trani

Due cittadine dalla lunga storia e caratterizzate dalla bellezza dei borghi antichi e dalla vivacità e vitalità della popolazione. Cenni storici.

Due cittadine dalla lunga storia e caratterizzate dalla bellezza dei borghi antichi e dalla vivacità e vitalità della popolazione. Cenni storici.

Conosciamo Bisceglie e Trani

Come attestano diversi ritrovamenti archeologici, BISCEGLIE affonda le sue radici nel Paleolitico, fino ad assumere rilevanza come borgo contadino e marinaro nel periodo longobardo (IX° secolo). Nell’XI° secolo crebbe la vivacità dei suoi traffici con le Repubbliche Marinare come testimonia  l’insediamento di una prospera comunità di commercianti amalfitani. Da ricordare la Carta Marinara del 1211.  Passata attraverso le dominazioni sveve, angioine, spagnole ne conserva importanti testimonianze.

Non meno notevole è TRANI  che, probabilmente risalente all’età del bronzo (vedi i reperti di Capo Colonna), divenne punto di riferimento viario in età repubblicana romana (la <Turenum> della <Tabula Peutingeriana>). Tale fu la sua espansione commerciale che fu la prima città ad emanare una carta degli Statuti Marittimi (Ordinamenta et Consuetudo Maris, 1063). La natura accogliente della sua popolazione  ed il suo ruolo come centro commerciale è attestata dalla presenza di una fiorente comunità ebraica. Fra tutte le gloriose testimonianze del suo passato non si può fare a meno di ricordare la suggestiva Cattedrale (dedicata a san Nicola Pellegrino) la cui costruzione fu iniziata nel 1099. E come non ricordarne il maestoso portale? Tra le affascinanti formelle bronzee, opere del celeberrimo Barisano da Trani (ricordato anche per i portali del Duomo di Ravello e di Monreale), spiccano i famosi arcieri che, testimoniando una caratteristica tipologia di arco medievale orientale, costituiscono il simbolo di questi Campionati Italiani.